Mi parli di Lei. Come rispondere alla domanda più usata nei colloqui di lavoro

Pubblicato da Alessandro Cench il

mi parli di lei

Prepararsi alle domande che ricorrono con frequenza in un colloquio di lavoro è una delle strategie più efficaci per affrontare al meglio l’intervista. Come spiego anche in quest’altro articolo, calarsi nella situazione aiuta a ridurre l’ansia da prestazione e a risultare più sicuri e convincenti nel momento in cui ci si trova a rispondere.

Oggi mi voglio concentrare su una domanda in particolare, quella sicuramente più diffusa.

Mi racconta di Lei?

Si tratta di una classica domanda di apertura, molto frequente e con diverse varianti, che il selezionatore utilizza per rompere il ghiaccio. E’ importante che ti prepari una sintetica presentazione che ripercorra, in ordine cronologico, le tappe principali del tuo curriculum.

Parti dal titolo di studio

E’ opportuno partire dal titolo di studio conseguito per poi proseguire con le esperienze professionali maturate fino ad oggi. A meno che il selezionatore non specifichi diversamente, la durata della risposta è strettamente legata al tuo grado di esperienza. Dai due ai tre minuti nel caso tu abbia appena terminato gli studi ai cinque o dieci se hai diversi anni di lavoro alle spalle. In questo ultimo caso è opportuno che ti concentri sui passaggi fondamentali della tua carriera.

Fai riferimento ad attività e progetti che hai svolto

Per rispondere al meglio a questa domanda, ti consiglio di fare riferimento a tutti quei progetti o a quelle attività che sono pertinenti alla posizione per cui ti sei candidato. In quest’ottica puoi fare cenno a quelle esperienze che non hanno trovato spazio nel tuo curriculum, ma che possono essere d’interesse per il tuo interlocutore.

Scopri le tue carte!

L’occasione è inoltre preziosa per mettere sul tavolo eventuali buchi sul curriculum o cambi repentini di carriera. Questo ti permetterà di anticipare successive domande scomode da parte del selezionatore e diminuire ulteriormente l’ansia. Come spiego in questo articolo, la sincerità può essere efficacemente utilizzata per trasformare le tue debolezze in punti di forza.

Come? Ti faccio due esempi: se i tuoi studi si sono protratti più del previsto ma nel frattempo hai fatto diversi lavori che non hanno trovato spazio nel tuo CV, ecco il momento per citarli. Il tuo intervistatore sarà meno severo nel giudicare gli anni da universitario fuori corso se viene a sapere che per mantenerti agli studi hai svolto uno o più lavori con continuità.

Altro esempio: i cambi di lavoro. Il passaggio da un’azienda a un’altra è spesso oggetto di curiosità, soprattutto se si tratta di un evento che nel tuo curriculum compare con frequenza. Meglio quindi “sdoganarlo” già nella tua presentazione e chiarire il motivo che ti ha spinto a cercare una nuova sfida professionale. Una spiegazione convincente ti metterà al riparo da ulteriori interrogativi sul tema e al contempo trasmetterai l’impressione di essere consapevole del tuo percorso di carriera.

Cogli l’opportunità!

Ci tengo a concludere con un consiglio che può suonare banale ma, credimi, non lo è. Diversi candidati che ho colloquiato alla mia esortazione “Mi parli di lei” mi hanno dato questa risposta: “Ho già scritto tutto nel curriculum”. Inutile dirlo, una replica di questo tenore è assolutamente da evitare. Anche per i motivi visti sopra, un conto è leggere il curriculum, un altro è sentirselo raccontare e spiegare dalla tua viva voce. Non sprecare questa preziosa opportunità!

Categorie: Il colloquio

Alessandro Cench

36 anni, da sempre appassionato del mondo delle risorse umane. Dopo la laurea specialistica in sociologia e ricerca sociale presso l'Università degli studi di Trento e un'esperienza come ricercatore, ho conseguito un Executive Master in Human Resources Management. Dal 2012 lavoro per una multinazionale altoatesina leader nei servizi di pulizia e di ristorazione collettiva, attiva in Italia, Austria, Germania e Romania, dove oggi ricopro il ruolo di responsabile selezione, organizzazione e progetti HR.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *