Come migliorare il profilo LinkedIn – 5 regole essenziali

Pubblicato da Alessandro Cench il

Oggi voglio illustrarti come puoi migliorare il tuo profilo LinkedIn in pochi semplici passaggi, seguendo 5 regole essenziali.

Avere cura della propria pagina su questa piattaforma è infatti fondamentale.

Il perché è presto spiegato. LinkedIn è un social media professionale utilizzato da oltre 600 milioni di persone, di cui più di 10 milioni solo in Italia. Tra le sue varie funzioni LinkedIn è uno degli strumenti più impiegati al mondo per la ricerca e la selezione del personale.

Se non hai ancora un account su questo social media, in questo mio articolo spiego come puoi rapidamente crearlo.

Se invece hai già attivato il tuo profilo e vuoi essere sicuro che sia efficace e magari raccogliere qualche spunto per ottimizzarlo, continua a leggere.

1. Inserisci tutte le informazioni essenziali

È fondamentale che tu inserisca tutte le informazioni principali sul tuo percorso formativo e lavorativo. Più il tuo profilo è completo, maggiori saranno le possibilità che venga individuato dai recruiter. Riporta quindi le tue esperienze più rilevanti, con una breve descrizione delle attività che hai svolto, senza essere prolisso. Dai il giusto spazio e rilievo alla tua istruzione e alla tua formazione.

In sintesi, cerca di condensare in poche parole e in maniera incisiva ciò che ritieni importante che un selezionatore sappia di te.

Ricordati di ragionare nell’ottica di valorizzare la tua professionalità. Se stai cercando un lavoro in un ambito in particolare, assicurati di attribuire rilievo alle esperienze in linea con la posizione che desideri ricoprire. Per esempio, se la tua ambizione è quella di lavorare nelle risorse umane, premurati di dare spazio a tutte le esperienze che hai maturato in questo settore o in campi affini.

2. Utilizza parole chiave

I recruiter utilizzano delle parole chiave per individuare profili in linea con le caratteristiche della posizione che stanno cercando. Scegli con cura i termini che meglio sintetizzano le tue esperienze. Questo permetterà ai selezionatori di trovarti più facilmente.

3. Aggiungi un sommario incisivo

LinkedIn mette a disposizione una headline in cui puoi condensare in 120 caratteri la tua professionalità e/o la tua mission. Si tratta di un sommario che compare immediatamente dopo nome e cognome. L’obiettivo è quello di definirti professionalmente in maniera accattivante, spiegando chi sei e qual è il tuo scopo. Per fare questo è importante che tu abbia ben presente il tuo posizionamento e il target che vuoi raggiungere. Ad esempio, un selezionatore freelance potrebbe compilare così la sua headline: “aiuto le aziende a trovare i migliori talenti per il loro sviluppo attraverso tecniche di selezione innovative”.

4. Scrivi un riepilogo efficace

Il riepilogo compare subito dopo il sommario. Qui hai a disposizione uno spazio per approfondire quanto hai scritto in precedenza, utilizzando fino a 2.000 caratteri. Dovresti spiegare in particolare chi sei, quali sono le tue esperienze e competenze, chi puoi aiutare, qual è il tuo obiettivo e simili. Volendo puoi aggiungere anche link a contenuti, siti, presentazioni, ecc.

Anche in questo caso ti consiglio di scegliere con estrema cura le parole, soprattutto le prime 200. Sono quelle che compaiono in anteprima ed è fondamentale riuscire a catturare subito l’attenzione di chi legge.

5. Scegli la foto giusta!

Un’altra regola essenziale è quella di scegliere la foto più adatta a valorizzare il tuo profilo. In questo caso valgono più o meno le stesse regole da seguire per la foto da inserire sul curriculum, che puoi leggere in questo articolo. Una buona immagine del profilo dovrebbe essere innanzitutto recente e professionale. In linea generale è bene optare per una foto in primo piano, su sfondo neutro, con sguardo in camera e sorriso, anche solo accennato. Considera che in moltissimi casi il tuo profilo verrà visualizzato tramite smartphone: è quindi importante che il tuo viso si veda bene. Aspetto e abbigliamento devono essere curati o comunque coerenti con la tua professionalità e/o con il lavoro che stai cercando.

Se il tuo profilo LinkedIn non segue queste 5 regole, niente paura: inizia subito ad aggiornarlo! Aumenterai così le tue chance di valorizzare la tua persona ed essere notato. Buon lavoro!


Alessandro Cench

36 anni, da sempre appassionato del mondo delle risorse umane. Dopo la laurea specialistica in sociologia e ricerca sociale presso l'Università degli studi di Trento e un'esperienza come ricercatore, ho conseguito un Executive Master in Human Resources Management. Dal 2012 lavoro per una multinazionale altoatesina leader nei servizi di pulizia e di ristorazione collettiva, attiva in Italia, Austria, Germania e Romania, dove oggi ricopro il ruolo di responsabile selezione, organizzazione e progetti HR.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *